Addetti alla biblioteca e alle sale di lettura

Gli addetti alla biblioteca e alle sale di lettura svolgono un lavoro che li espone a vari rischi: rischi d’incendio, di urto e di inciampo, pericoli legati all’uso di scale portatili e mobili, rischio biologico, rischi del lavoro di sportello, affaticamento visivo, movimentazione manuale dei carichi, microclima e pericoli derivanti dall’utilizzo di archivi e stampe.

Rischio incendio: edifici storici, depositi di carta, biblioteche sono locali esposti ad un alto rischio di incendio. In questi ambienti va prestata grande attenzione al Piano di Evacuazione e alle procedure di evacuazione. Devono essere presenti sistemi di rilevazione fumi e di spegnimento automatico, con allarme collegato con la centrale operativa dei vigili fuoco.

Pericolo di urto e inciampo: le vie di transito tra gli scaffali devono avere larghezze minime di 1,20 m e le scaffalature devono essere omogenee e ben allineate per diminuire al minimo il rischio di inciampo o di urto. Elementi sporgenti, spigoli taglienti, parti spigolose non protetti possono causare abrasioni, tagli, contusioni e cadute. È importante evitare l’accumulo anche temporaneo di materiali sulle vie di transito e la presenza di scale portatili aperte ed è necessario segnalare l’altezza dei passaggi.

Soppalchi, solai e scaffalature: soppalchi e solai devono avere l’indicazione della portata massima della soletta, i carichi devono essere distribuiti in modo da non sovraccaricare le zone centrali, preferendo le aree vicine ai pilastri e ai muri portanti. Sui soppalchi devono essere presenti parapetti, balaustre, tavole fermapiede e scale a norma per l’accesso. Le scaffalature devono essere ben solide ed ancorate al muro.

Scale portatili e mobili: le scale portatili e mobili devono essere in buono stato, munite di idonei appoggi di base e di testa antisdruciolevoli, con pioli integri e di tipo ad incastro sui montanti (per scale in legno). Le scale a trabattello devono avere base dotata di antiscivolo, ruote su un solo lato per lo spostamento e la parte alta protetta su tre lati con parapetto non inferiore a 80 cm. I lavoratori vanno dotati di scarpe antisdrucciolo.

Polveri, rischio biologico: la presenza di polveri può causare reazioni irritative e allergiche ai lavoratori e agli studenti. È necessario pulire e disinfettare periodicamente gli ambienti polverosi e dotarli di aspirazione forzata e immissione di aria pulita, prestando attenzione alla manutenzione periodica dei filtri degli impianti di condizionamento, umidificazione e deumidificazione. Va garantito il ricambio di aria tramite l’apertura delle finestre.

Lavoro di sportello: gli addetti alla distribuzione dei libri nelle grandi biblioteche sono esposti a vari rischi: videoterminali, stress da pubblico, ripetitività delle operazioni, rischio di patologie infettive da contagio da parte del pubblico. È necessario formare gli impiegati sul comportamento da tenere con il pubblico e inserire una separazione con lastre anticontagio. I banchi di distribuzione vanno posizionati in modo che non vi siano correnti d’aria in prossimità delle postazioni di lavoro.

Illuminazione e affaticamento visivo: tutte le zone (depositi, sale lettura, aree di transito ecc.) devono avere buoni livelli di illuminazione e vanno evitate zone d’ombra. I lavoratori che utilizzano per più di venti ore settimanali videoterminali/visori devono essere sottoposti a sorveglianza sanitaria.

Movimentazione manuale dei carichi: gli addetti devono spostare pochi libri alla volta, utilizzando ausili meccanici quali carrelli a mano o elettrici, di cui si conoscono le modalità di utilizzo.

Archivi mobili ed elettronici: gli archivi elettronici devono essere dotati di fotocellule in numero sufficiente a coprire tutta la zona inferiore e superiore, devono avere pulsante di emergenza in zona facilmente accessibile, sistema di blocco in caso di apertura parziale e non completa del coperchio, sistema che impedisca l’avviamento accidentale in caso di ripristino, dopo interruzione dell’energia elettrica.

Stampa microfilm e fotocopiatrici: gli addetti alla stampa di microfilm e alle fotocopiatrici devono utilizzare guanti monouso per la sostituzione dei toner e devono essere presenti  contenitori per lo smaltimento dei toner usati.

Microclima: il rischio miroclimatico può essere dovuto al freddo e alle correnti d’aria nelle postazioni di lavoro vicino all’ingresso. Le  postazioni di lavoro vicino alle entrate vanno protette con l’ausilio di barriere fisiche o rivedendo il lay-out (spostando la zona di lavoro in area senza correnti d’aria). È importante ricordare che è vietato utilizzare in ambiente scolastico stufe funzionanti a combustione liquido o gassoso per il riscaldamento di ambienti.

Questa voce è stata pubblicata in 2005, Dossiers e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento