Bilanci sociali: cosa sono

Il bilancio sociale è un documento nel quale le aziende e gli enti sintetizzano principi, valori e strategie che caratterizzano la loro attività e ne descrivono gli effetti.

Esso nasce dall’esigenza delle imprese di ottenere credibilità  dimostrandosi trasparenti ed affidabili e registra un crescente interesse da parte della collettività intorno ai temi della sostenibilità e dei diritti.

Una ricerca della Pkf, network internazionale di revisione contabile e Atman Project, società di consulenza direzionale, rivela che il 60% delle grandi aziende in Italia redige il bilancio sociale, mentre si sale al 75%  se si tiene conto di quante aziende si siano dotate di un Codice etico; il 45,3% possiede ambedue gli strumenti.

Il bilancio sociale può essere una reale prospettiva di sviluppo, ma in pratica rischia di diventare solo retorica; infatti spesso essa è solo un’operazione di facciata, una strumento di marketing e di comunicazione che non rispecchia una reale sensibilità nei confronti di tutte le funzioni aziendali.

Il bilancio sociale è opera per lo più di risorse interne,  ma per una significativa minoranza vengono anche costituite delle vere e proprie task force formate da figure professionali interne ed esterne all’azienda.

Sul piano dei contenuti, per quanto riguarda i Codici etici, una ricerca dell’OCSE basata su 236 documenti adottati da altrettante imprese di 23 diversi  Paesi ha rivelato come le condizioni di lavoro siano il tema principale , seguito dalla protezione dell’ambiente e dai rapporti con i consumatori; quest’ultimo aspetto va progressivamente assumendo un’assoluta centralità , data anche la capacità organizzativa  delle associazioni di rappresentanza  e l’accresciuta sensibilità  dopo i grandi scandali finanziari degli ultimi anni.

Questa voce è stata pubblicata in 2006, Dossiers. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento