Nuova norma UNI EN ISO 14121-1:2007

fonte: sito www.uni.com

Proteggere gli utilizzatori di tutti i tipi di macchine: una norma internazionale di sicurezza

L’utilizzo delle macchine è essenziale per lo sviluppo di ogni paese: esse sono utilizzate ovunque, da professionisti, in contesti domestici, nel tempo libero. Azioni legate a differenti utilizzi -dal tagliare il prato di casa a versare del cemento in cantiere o lavorare su un tornio- possono rivelarsi pericolose.
Per esempio, se sul posto di lavoro i dispositivi di sollevamento di una macchina sono inadeguati possono causare fratture anche di grave entità in un individuo, oppure forti rumori possono provocare nel lavoratore una consistente perdita di udito; altre tipologie di incidente possono coinvolgere più persone. Il costo di un singolo incidente può essere estremamente oneroso per il datore di lavoro, potrebbe essere necessario sostituire la macchina, coprire le spese mediche, con conseguente significativa perdita economica. Tutto ciò senza considerare il dolore e il disagio vissuto dalle persone colpite.

La nuova norma UNI EN ISO 14121-1:2007 “Sicurezza del macchinario – Valutazione del rischio – Parte 1: Principi” stabilisce i principi generali per la valutazione del rischio, dove la conoscenza e l’esperienza su progettazione, utilizzo, incidenti, infortuni e danni sulle macchine sono associate al fine di valutare i rischi durante tutte le fasi della vita delle macchine.
I produttori di macchine devono identificare i rischi durante la fase di progettazione e -di conseguenza- prevenire futuri incidenti. Le linee guida sulla valutazione del rischio riportate nella norma sono presentate come una serie di passaggi logici, utili ai progettisti per determinare i limiti della macchina, identificare pericoli di varia natura (radiazioni, calore, elettrocuzione…), stimare i potenziali pericoli derivanti da un possibile errore umano.

Le informazioni ottenute attraverso questo processo permetteranno di determinare se una macchina è sufficientemente sicura. In caso di risposta negativa, i dati rilevati saranno preziosi per la fase successiva di riduzione del rischio e il processo sarà ripetuto fino a quando la macchina sarà giudicata idonea e sicura per l’utilizzo.

La norma internazionale ISO 14121-1 rappresenta la base da cui partire per una revisione generale e per lo sviluppo di nuove norme su aspetti specifici di sicurezza, dispositivi di protezione, requisiti di sicurezza più dettagliati per macchine particolari. L’ISO ha poi recentemente pubblicato la parte 2 della norma: l’ISO/TR 14121-2 “Safety of machinery – Risk assessment - Part 2: Practical guidance and examples of methods”.

Il comitato tecnico ISO/TC 199 “Safety of machinery” – che ha messo a punto la ISO 14121 – collabora attivamente con l’industria, gli organismi incaricati della salute e della sicurezza, autorità, sindacati, organizzazioni internazionali quali ILO (International Labour Organization) e OMS (Organizzazione mondiale della sanità), allo scopo di sviluppare norme che riducano i rischi di infortuni sul luogo di lavoro, nell’ambiente domestico, nel tempo libero.

Questa voce è stata pubblicata in 2007, Dossiers. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento