Novità RAEE

Scadenza del 31 dicembre 2009 per i produttori:

Il Decreto Legge n. 135/2009 “Disposizioni urgenti per l’attuazione di obblighi comunitari e per l’esecuzione di sentenze della Corte di giustizia delle Comunità europee” ha introdotto novità in materia di apparecchiature elettriche ed elettroniche. In particolare i produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche (AEE) entro il 31/12/2009 dovranno comunicare al Registro Nazionale dei soggetti obbligati al finanziamento dei sistemi di gestione dei rifiuti da AEE i dati inerenti le quantità e le categorie di AEE immesse sul mercato negli anni 2007 e 2008; dovranno inoltre confermare o rettificare i dati inerenti le quantità e le categorie di AEE immesse sul mercato nel corso del 2006.
Entro lo stesso termine, i sistemi collettivi di gestione dei rifiuti di AEE ed i singoli produttori di AEE professionali non aderenti ai sistemi collettivi, dovranno comunicare al suddetto registro i dati relativi al peso di AEE raccolte attraverso tutti i canali, reimpiegate, riciclate e recuperate nel 2008


All’esame il decreto per il ritiro “uno contro uno”

È all’esame del MinAmbiente il regolamento recante il regime per la gestione semplificata, da parte dei distributori di Aee, delle apparecchiature a fine vita ritirate all’atto della vendita delle nuove.
Il provvedimento in corso di approvazione permetterà il decollo del sistema del ritiro “uno contro uno” disegnato dal Dlgs 151/2005, il provvedimento madre in materia di riduzione dell’uso di sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche (cd. “Aee”) e della gestione dei relativi rifiuti (cd. “Raee”).
Il Dlgs 151/2005 prevede infatti l’obbligo per i distributori di nuove Aee di assicurare al momento della fornitura di una nuova apparecchiatura elettrica ed elettronica il ritiro gratuito, in ragione di uno contro uno, della apparecchiatura usata, a condizione che la stessa sia di tipo equivalente e abbia svolto le stesse funzioni della nuova apparecchiatura fornita.

Questa voce è stata pubblicata in 2009, Dossiers. Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento