Linee guida per l’uso in sicurezza delle piattaforme di lavoro elevabili

animals_pyramidLa Regione Lombardia, Direzione Generale Salute, con Decreto 8 luglio 2014, n. 6551 ha approvato la Linea guida “Uso delle piattaforme di lavoro elevabili” (Cantieri temporanei e mobili). Essa fornisce indirizzi comuni ai Servizi Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro (PSAL) ed alle imprese per l’utilizzo corretto e sicuro delle piattaforme di lavoro elevabili (PLE)

Il documento, che per le aziende può rappresentare un’integrazione ai fini della valutazione del rischio, si prefigge di:
– illustrare le misure generali di sicurezza, da adottare prima e dopo l’uso della piattaforma,
– individuare correttamente l’ambito di utilizzo all’interno dei cantieri edili e, con schede analitiche, l’utilizzo in ambiti specifici,
– evidenziare la possibilità di utilizzo delle PLE per ‘sbarco in quota’, modalità di utilizzo non consentita dalla normativa vigente tranne nel caso in cui l’utilizzatore abbia ottenuto l’approvazione del fabbricante mediante l’invio di linee guida specifiche,
– supportare sia l’Organo di vigilanza, nell’esercizio dei propri compiti istituzionali, che le aziende per gli aspetti legati alla valutazione del rischio mediante la compilazione della check-list proposta,
– facilitare il dialogo tra le parti, riportando le definizioni tratte dalla normativa di riferimento”

In particolare:
– la piattaforma di lavoro elevabile è utilizzabile “per l’esecuzione di lavori in quota, eseguibili rimanendo all’interno della piattaforma di lavoro con l’utilizzo d’idonei DPI”.
– È vietata “qualunque modalità o condizione di utilizzo al di fuori di quanto descritto nel libretto d’uso e comunque non prevista dal costruttore”. Il datore di lavoro può predisporre “procedure speciali per situazioni eccezionali”, ma tali procedure “devono essere inserite nel POS qualora previsto; preposti e conduttori macchina devono attenervisi scrupolosamente”.
– Prima di usare queste macchine il datore di lavoro (o persona delegata) deve valutare i rischi connessi all’uso della PLE in relazione alle caratteristiche del cantiere. Inoltre “il personale addetto all’uso della macchina deve essere stato valutato idoneo alla mansione, adeguatamente formato e addestrato all’uso della specifica attrezzatura fornita. Il manuale d’uso e manutenzione deve essere disponibile per il lavoratore: in caso di smarrimento occorre richiederne copia al costruttore”.

Per quanto riguarda la manutenzione:
– verificare “che sia stata effettuata la manutenzione, i controlli e le verifiche periodiche come previste dal costruttore e dalla normativa vigente”;
– verificare anche, ove previsto dal costruttore, che la macchina non abbia superato il numero massimo di cicli di lavoro”;
– verificare, attraverso il manuale d’uso e manutenzione, “i valori di emissione del rumore e di vibrazione della macchina e adottare adeguate misure di sicurezza”.

La persona addetta all’utilizzo della PLE deve:
– “eseguire un controllo pre-operativo ed effettuare la prova di tutte le funzioni prima di ogni turno di lavoro, ossia:
* funzionalità dei dispositivi ad ‘uomo presente’ quali, ad esempio pedali, blocchi meccanici delle leve di comando, doppio comando, ecc.;
* assicurarsi che tutti i pittogrammi di sicurezza siano leggibili;
* accertarsi che il terreno sia in grado di sostenere il peso della macchina e, dove presenti, resistere alla pressione degli stabilizzatori (dati visualizzabili sul manuale tecnico o  sui pittogrammi
* delimitare o segregare l’area degli stabilizzatori al fine di evitare urti o contusioni
* non superare l’inclinazione massima ammessa del telaio (tale valore è ricavabile dalle specifiche tecniche e nella targhetta a bordo macchina)
– controllare la funzionalità dei segnali luminosi (girofaro, spie, ecc.) e sonori;
– verificare visivamente le principali parti strutturali della macchina come ad esempio le articolazioni, le principali saldature, sistemi di fermo dei perni, integrità dei parapetti e del cancello di accesso, ecc. Nel caso di accessibilità limitata alle parti da verificare a causa della presenza di sporco e/o grasso occorre provvedere alla pulizia delle zone da controllare”.
– se dotata di motore elettrico e alimentato da batterie che contengono acido: indossare sempre indumenti e occhiali protettivi quando si interviene sulle batterie. Neutralizzare le fuoriuscite di acido con bicarbonato di sodio e acqua.
– se dotata di motore a combustione, non rifornire la macchina di carburante a motore è acceso. Verificare la disponibilità di idoneo estintore nei pressi della macchina;

E’ vietato utilizzare una macchina danneggiata o guasta.

Questa voce è stata pubblicata in 2014, Sicurezza sul lavoro e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento