Videosorveglianza illegittima senza l’accordo con i sindacati

videosorveglianzaL’art. 4 della Legge 300/70 (Statuto del Lavoratori) pone il DIVIETO dell’uso di impianti audiovisivi e di altri apparecchi che abbiano la finalità di controllo a distanza  dell’attività lavorativa, ad eccezione dei casi  giustificati da  esigenze organizzative, produttive o di sicurezza.

In questi casi è possibile installare gli impianti in oggetto a condizione che vi sia un accordo preventivo con le Rappresentanze sindacali. Se ciò non è possibile, il Datore di Lavoro deve richiedere una specifica Autorizzazione alla Direzione Territoriale del Lavoro della provincia nella quale ha sede  l’unità produttiva interessata all’installazione.

La Direzione Territoriale del Lavoro, al fine del rilascio della propria autorizzazione, dovrà provvedere a svolgere un sopralluogo per verificare, in particolare, se l’angolo di ripresa delle telecamere sia o meno compatibile con il divieto sancito dall’art. 4 della legge n. 300/1970 ed eventualmente indicherà le prescrizioni da osservare.

Sono soggetti alla richiesta di Autorizzazione tutte le imprese che hanno un impianto di videosorveglianza con registrazione e/o visione delle immagini.

Si rammenta inoltre che gli impianti di Videosorveglianza sono soggetti anche alle prescrizioni impartite dal Garante per la Protezione dei Dati Personali in ambito Privacy (Provvedimento in materia di Videosorveglianza dell’8 aprile 2010).

Tale norma impone alle aziende una serie di adempimenti, quali (a titolo esemplificativo ma non esaustivo) l’obbligo di esporre un’informativa “minima”, l’obbligo di esporre un avviso che riporti gli elementi dell’art.13 del Codice Privacy, l’obbligo di incaricare i soggetti addetti alla visione delle immagini, ecc.. In caso di sistemi collegati alle forze di Polizia, occorre uno specifico cartello informativo.

Si precisa infine che le immagini dovranno essere conservate per un periodo di tempo limitato (max 24 ore), e che rimane comunque inammissibile l’installazione di impianti di videosorveglianza in luoghi riservati esclusivamente ai lavoratori o non destinati all’attività lavorativa (es. bagni, spogliatoi, docce, armadietti e luoghi ricreativi).

Nella pratica dunque si tratterà di verificare se l’installazione delle telecamere sia compatibile con i principi di liceità, di necessità, di proporzionalità e di finalità sanciti dal Codice della Privacy e, per ciò che riguarda, in particolare, la liceità del trattamento se esso sia compatibile con il divieto sancito dallo Statuto dei lavoratori.

Per “essere in regola” si dovrà quindi:
– indicare con apposita modulistica la presenza delle videocamere;
– redigere un documento interno sulle motivazioni e la scelta della videosorveglianza nell’area aziendale;
– informare il personale dipendente raggiungendo un accordo con la RSU aziendale o, in sua mancanza, chiedere l’autorizzazione alla competente Direzione Provinciale del Lavoro (che DEVE essere preventiva all’installazione).

Questa voce è stata pubblicata in 2017, Privacy e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento